Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri

Predný obal
1873 - 554 strán (strany)
0 Recenzie
Recenzie nie sú overované, ale Google kontroluje prítomnosť falošného obsahu a po jeho identifikácii ho odstraňuje
 

Čo hovoria ostatní - Napísať recenziu

Na obvyklých miestach sme nenašli žiadne recenzie.

Časté výrazy a frázy

Populárne pasáže

Strana 280 - Tanto che, figliol mio, tornando al proposito, è opinion comone, che le cose son talmente ordinate, che la natura non manca nel necessario, e non abonda in soverchio. Le ostreche non han piedi ; perché, in...
Strana 393 - Item se alcuna cosa dovessero ricevere li mastri, li quali havessero in quello fatte giornate, o venditure di pece, ligname, stoppa, et chiodi, se essi carta non haverando in tal caso non hanno le persone predette alcuna integritate...
Strana 42 - ntra li vrazza, comu un picciriddu, Si lu purtaru a cavu cavuseddu. VARIANTI E RISCONTRI In Napoli A mmàmmera o Ammammero. TARD ACINO nelle Annotazioni alla Vajasseide II, 1: « Fàcese chisto juoco de chesta manera : se pigliano duje pettutte doje le mmano loro, e s'allargano le braccia de muodo che beneno a fare no garbo comme se fosse na seggia,pigliànnose pe le mmano, come se fosse lo ddaresse la fede; e ttanno uno se sede, e li duje lo portano pòsole a la casa, e cantanno diceno: A mmàmmera...
Strana 108 - Carruccio, dicesi d' uno strumento di legno con quattro girelle, ove si mettono i bambini, perché imparino ad andare Cassa, arnese per solito di legno da riporvi dentro panni, vestimenti e simili , fatto a diverse fogge, ma di figura quadrilatera, il quale s' apre di sopra sollevando un coperchio che si muove a maniera di battente girando sopra una foggia di arpioni o d...
Strana 13 - Bella cocchia gentile quinci e linci Pezzate goder anco un quanco lei, Pocca tu de bellizze passe, e vinci De lo Mercato tutti i semmidei; E tutto questo munno ancor costrinci Ad anzarete chillete e trofei, Talché da Bacco a Tile p' accellenza Se canta : viva Menechiello e Renza.
Strana 87 - Paziezo, de cchiù sciorte sona mo, ch'io sauto e canto: fa' catubba6 e sona forte, fa' ch'ognuno n'aggia spanto. Vi sti sauté e repolune? Siente appriesso ste canzune: chi vedere vò lo sciore, lo sbrannore de la Loggia e de la Zecca; chi vedere vò la vera primmavera, lassa tutte e vega Cecca, Cecca mia, ca non dico la boscia. O Lucia, ah Lucia, Lucia, Lucia mia, stienne sso musso e 'nzeccate ccà!
Strana 296 - Quella lista di roba meno fine, che si cuce intorno alla banda interna, e da piede al vestito da donna e alla sottana de' preti per rinforzo e preservazione da pronto logoramento.
Strana 195 - Lo re (Manfredi) la notte esceva per Barletta cantando strambotti e canzuni, che iva pigliando lo frisco, e con isso ivano dui musici siciliani ch'erano gran romanzatori. » * Un esempio di questo genere di poesia mi piace di togliere dal Forteguerri, che nel Canto XII del suo Ricciardetto cosi fa cantare un innamorato giovine contadino :
Strana 256 - Foglia. Pezzo di faldellina metallica, sottilissima e lucentissima che si mette in fondo del castone per far meglio brillare la soprappostavi pietra.
Strana 264 - Item , se alcuno patrone di nave o d'altro vascello si reclamasse dal suo mercante per lo nolito della robba che portasse, et detto mercante allegasse non essere tenuto pagare detto noi i lo lo quale l...

Bibliografické informácie