Obrázky na stránke
PDF
ePub

tur, quod est falsum. Non enim dicimus : imperator est Papa, nec e converso; nec potest dici, quod communicent in specie : cum alia sit ratio Papæ, alia Imperatoris, in quantum hujusmodi. Ergo reducuntur. ad aliquid in quo habent uniri. Propter quod sciendum, quod sicut se habet relatio ad relationem, sic relativum ad relativum. Si ergo Papatus et Imperiatus, cum sint relationes superpositionis, babeant reduci ad respectum superpositionis, a quo respectu cum suis differentialibus descendunt; Papa et Imperator, cum sint relativa, reduci habebunt ad aliquod unum, in quo reperiatur ipse respectus superpositionis, absque differentialibus aliis. Et hoc erit vel ipse Deus, in quo respectus omnis universaliter unitur; vel aliqua substantia Deo inferior, in qua respectus superpositionis, per differentiam superpositionis, a simplici respectu descendens, particuletur. Et sic patet, quod Papa et Imperator, in quantum homines, habent reduci ad unum; in quantum vero Papa et Imperator, ad aliud : et per hoc patet ad rationem.

S XII. Positis et exclusis erroribus, quibus potissime inniluntur, qui Romani principatus auctoritatem dependere dicunt a Romano Pontifice; redeundum est ad ostendendum veritatem hujus tertiæ quæstionis, quæ a principio discutienda proponebatur, quæ quidem veritas apparebit sufficienter, si sub præfixo principio inquirendo præfatam auctoritatem immediate dependere a culmine totius entis ostendero, qui Deus est. Et hoc erit ostensum, vel si auctoritas Ecclesiæ removeatur ab illa, cum de alia non sit altercatio; vel si ostensive probetur, a Deo immediate dependere. Quod autem auctoritas Ecclesiæ non sit caussa Imperialis auctoritatis, probatur sic: Illud, quo non existente, aut quo non virtuante, aliud habet totam suam virtutem, non est caussa illius virtutis ; Sed Ecclesia non existente, aut non virtuante, Imperium habuit totam suam virtutem : Ergo Ecclesia non est caussa virtutis Imperii, et per consequens, nec auctoritatis, cum idem virlus sit et auctoritas ejus. Sit Ecclesia A, Imperium B, auctoritas sive virtus Imperii C. Si non

e questo è falso. Perocchè noi non diciamo : lo Imperadore è
Papa, il Papa è Imperadore. E non si può dire, che comu-
nichino in ispezie; perchè altro è l' offizio del Papa, e altro è
quello dello Imperadore, in quanto e' sono tali. Adunque si ridu-
cono a qualche cosa, nella quale e' si debbono unire ; e però si
vuole

sapere che quella comparazione, che è tra relazione e rela-
zione, quella è tra relativo e relativo. Adunque se il Papato e
ľ Imperio, essendo relazioni di sopraposizione, s' hanno a ridurre
al rispetto della sopraposizione, dal quale rispetto con le diffe-
renze loro dipendono; Papa ed Imperadore, essendo eglino rela-
tivi, si dovranno ridurre a qualcuno, nel quale si ritrovi esso
rispetto di sopraposizione senza altra differenza : e questo sarà
o l'istesso Iddio, nel quale ogni rispetto universalmente s'uni-
sce ; o una sostanza a Dio inferiore, nella quale il rispetto della
sopraposizione, per la differenza della sopraposizione, dal sem-
plice rispetto discendente, diventi particolare. E cosi è manifesto
che il Papa e lo Imperadore, in quanto sono uomini, s' hanno a
ridurre a uno ; ma in quanto Papa ed Imperadore, ad altro; e
questo basti in quanto alla ragione.

§ XII. Posti e rimossi gli errori, a' quali coloro molto s'ac-
costano, che dicono l'autorità del romano Imperio dal Pontefice
romano dipendere, è da ritornare a dimostrare la verità di que-
sta terza quistione, la quale si proponeva da principio per di-
chiararla; la quale verità apparirà sufficientemente, se sotto pre-
fisso principio ricercando, dimostrerò la prefata autorità senza
mezzo dipendere dalla sommità di tutto l' essere, che è Iddio. E
questo sarà dimostrato, ovvero se l'autorità della Chiesa sia ri-
mossa da essa, conciossiachè di quella non è altercazione ; o se
si mostra chiaramente da Dio senza mezzo dipendere. E che
l'autorità della Chiesa non sia cagione della Imperiale, si pruova
cosi : Quello, senza l' essere o la virtù del quale, è altra cosa,
quest altra cosa da quello non dipende ; Ma non esistendo la
Chiesa, ovvero non dando virtù, l' Imperio ebbe tutta la virtú
sua: Adunque la Chiesa non è cagione della virtù dello Imperio
della sua autorità, essendo tuttuno la virtù e l'autorità sua;
e questo cosi si mostra. Sia la Chiesa A, l' Imperio B, l'autorità
existente A, C est in B, impossibile est A esse caussam ejus quod est, C esse in B: cum impossibile sit, effectum præcedere causam in esse. Adhuc, si nibil operante A, C est in B, necesse est A non esse causam ejus quod est, C esse in B : cum necesse sit ad productionem effectus præoperari caussam, præsertim efficientem, de qua intenditur. Major propositio hujus demonstrationis declarata est in terminis : minorem Christus et Ecclesia confirmat : Christus nascendo et moriendo, ut superius dictum est : Ecclesia, cum Paulus in Actibus Apostolorum dicat ad Festum : Ad tribunal Cæsaris sto, ubi me oportet judicari. Cum etiam angelus Dei Paulo dixerit parum post: Ne timeas, Paule, Cæsari te oportet assistere. Et infra iterum Paulus ad Judæos existentes in Italia : Contradicentibus autem Judæis, coactus sum appellare Cæsarem non quasi gentem meam habens aliquid accusare, sed ut eruerem animam meam de morte. Quod si Cæsar jam tunc judicandi temporalia non habuisset auctoritatem, nec Christus hoc persuassisset, nec angelus illa verba nunciasset, nec ille qui dicebat, cupio dissolvi et esse cum Christo, incompetentem judicem appellasset. Si etiam Constantinus auctoritatem non habuisset, in patrocinium Ecclesiæ, illa quæ de Imperio deputavit ei, de jure deputare non potuisset; et sic Ecclesia illa collatione uteretur injuste: cum Deus velit oblationes esse immaculatas, juxta illud Levitici: Omnis oblatio, quæ offertur Domino, absque fermento fiet. Quod quidem præceptum, licet ad offerentes faciem habere videatur, nihilominus est per consequens ad recipientes. Stultum enim est credere Deum velle recipi, quod prohibet exhiberi; cum etiam in eodem præcipiatur Levitis: Nolite contaminare animas vestras, nec tangatis quicquam eorum, ne immundi sitis. Sed dicere quod Ecclesia abutatur patrimonio sibi deputato, est valde inconveniens; ergo falsum erat illud, ex quo sequebatur.

o virtù dell' Imperio C. Se non esistendo A, C è in B, è impossibile che A sia cagione dello essere C in B, perchè egli è impossibile che l' effetto preceda la cagione sua nello essere. Ancora, se mentre che A nulla adopera, C è in B, è necessario che A non sia cagione dell' essere C in B, perchè egli è necessario che alla produzione dello effetto la cagione innanzi adoperi, specialmente la cagione efficiente, della quale al presente parliamo. La maggior proposizione di questa dimostrazione è dichiarata ne' termini; la minore è confermata da Cristo e dalla Chiesa : da Cristo quando nacque e quando mori, come di sopra è detto; dalla Chiesa, dicendo Paolo negli Atti degli Apostoli: Io sto dinanzi al tribunale di Cesare, ove mi conviene esser giudicato. E poco di poi l'angiolo di Dio disse a Paolo: Non temere, Paolo, innanzi a Cesare ti conviene comparire. E disotto disse Paolo a' Giudei che erano in Italia : Contradicendomi i Giudei, io sono costretto appellare a Cesare, non per accusare in alcuna cosa la gente mia, ma per rimuovere l'anima mia dalla morte. E se Cesare non avesse allora avuto autorità di giudicare le cose temporali, Cristo avrebbe questo persuaso, l' angiolo avrebbe quelle parole annunziate, colui che diceva, lo desidero di morire ed essere con Cristo, avrebbe appellato incompetente giudice. Ancora se Costantino non avesse avuto autorità in patrocinio e aiuto della Chiesa, quelle cose dell' Imperio che deputò alla Chiesa non avrebbe potuto di ragione deputare : e cosi la Chiesa ingiustamente userebbe quel dono ; conciossiachė Iddio voglia l' offerte essere immaculate, sccondo quel detto del Levitico : Ogni offerta che farete a Dio sarà senza formento. Il quale comandamento, benchè paia che sia diretto agli offerenti, nientedimeno è ancora a' recipienti. Stolto è credere che Iddio voglia che si riceva quello che vieta dare, massime perchè nel medesimo libro si comanda a' Leviti : Non vogliate contaminare le anime vostre, e non toccate alcuna di quelle cose, acciocchè non siate immondi. Ma il dire che la Chiesa cosi usi male il patrimonio a se deputato è molto inconveniente ; adunque era falso quello da che questo seguita.

$ XIII. Amplius, si Ecclesia virtutem haberet authorizandi Romanum principem, aut haberet a Deo, aut a se, aut ab Imperatore aliquo, aut ab universo. mortalium assensu, vel saltem ex illis prævalentium. Nulla est alia rimula, per quam virtus hæc ad Ecclesiam manare potuisset; Sed a nullo istorum habet: Ergo virtutem prædictam non habet. Quod autem a nullo istorum habeat, sic apparet. Nam si a Deo recepisset, hoc fuissel aut per legem divinam, aut per naturalem; quia quod a natura recipitur, a Deo recipitur, non tamen convertitur. Sed non per naturalem : quia natura imponit legem, nisi suis effectibus: cum Deus insufficiens esse non possit, ubi sine secundis agentibus aliquid in esse producit. Unde cum Ecclesia non sit effectus naturæ, sed Dei dicentis : Super hanc petram ædificabo Ecclesiam meam. Et alibi : Opus consummavi, quod dedisti mihi ut faciam : manifestum est, quod ei natura legem non dedit. Sed nec per divinam. Omnis namque divina lex duorum Testamentorum gremio continetur: in quo quidem gremio reperire non possum, temporalium sollicitudinem sive curam cerdotio primo vel novissimo commendatam fuisse. Quinimo invenio, sacerdotes primos ab illa de præcepto remotos, ut patet per ea quæ Deus ad Moysen : et sacerdotes novissimos, per ea quæ Christus ad discipulos. Quam quidem ab eis esse remotam possibile non esset, si regiminis temporalis auctoritas a sacerdotio demanaret ; cum saltem in authorizando sollicitudo provisionis instaret, et deinde cautela continua, ne authorizatus a tramite rectitudinis deviaret. Quod autem a se non receperit, de facili patet sic : Nihil est quod dare possit, quod non habet. Unde omne agens aliquid, actu esse tale oportet, quale agere intendit: ut habetur in iis quæ de simpliciter ente. Sed constat, quod si Ecclesia sibi dedit illam virtutem, non habebat illam priusquam daret sibi. Et sic dedisset sibi quod non habebat : quod est impossibile. Quod vero ab aliquo Imperatore non receperit, per ea quæ superius manifesta sunt, patet sufficienter. Et quod etiam assensu omnium vel prævalentium

[ocr errors]
« PredošláPokračovať »